Proverbi siciliani

1 234
Lu lupu di mala cuscenza comu opira penza. - Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che saprebbe fare lui.
Munti e munti `un s`incontranu mà. - I monti non s'incontrano mai con altri monti.
La pignata taliata `un vugghi mai. - La pentola guardata non bolle mai.
Attacca lu sceccu dunni voli lu patruni. - Lega l'asino dove vuole il padrone.
Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti. - Solo chi non fa niente non commette errori.
Prima di parlari mastica li paroli. - Prima di parlare mastica le parole.
Cu avi la cummirità e `un si nni servi mancu lu cunfissuri lu pò assolviri. - Chi ha la possibilità di vivere bene e non la sfrutta non può essere perdonato neanche dal confessore.
Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa. - Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.
Si ad ogni cani chi abbaia ci vò tirari `na petra `un t`arrestanu vrazza. - Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno.
Ogni cani è liuni a la sò casa. - Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.
Ovu d`un`ura, pani d`un jornu e vinu d`un annu `un ficiru mai dannu. - Uovo di un`ora, pane di un giorno e vino di un anno non hanno fatto mai male.
Li sordi di lu `Nfinfirinfì si li mancia lu `nfinfirinfà. - I soldi guadagnati in modo disonesto vengono spesi male.
Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa. - Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.
Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci. - Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.
Lassa lu focu ardenti e succurri la parturienti. - Lascia il fuoco acceso e soccorri la partoriente.
1 234